Immagine 04 Cuori Evasioni dentro e fuori la mia cucina Immagine 04 Cuori

domenica 4 settembre 2016

Raviolini o Tortelli Fritti dell'Appennino Tosco-Romagnolo Bicolori

Ho mangiato tante volte questi Raviolini nei vari agriturismi-ristoranti della zona di Bagno di Romagna, ridente paesino termale sull'Appennino Tosco-Romagnolo. Vengono solitamente serviti tra gli antipasti e costituiscono un piacevole sfizio anche come aperitivo.  Pur non conoscendo la ricetta originale, li ho riprodotti a casa con la variante dell'involucro bicolore, bianco su una faccia e verde sull'altra (generalmente sono solo bianchi) e qualche piccola aggiunta nel ripieno che sicuramente nella tradizione non è presente, tipo la paprika e l'origano.


Raviolini o Tortelli fritti ripieni di patate del Casentino
Raviolini Fritti dell'Appennino Tosco-Romagnolo / Casentino

Raviolini o Tortelli Fritti dell'Appennino Tosco-Romagnolo Bicolori


Ingredienti:

Per la sfoglia:
  • 200 g. di farina
  • 2 uova
  • 100 g di spinaci freschi
  • 1/2 bustina scarsa di lievito istantaneo per torte salate
  • 1 pizzico di sale

Per il ripieno:
  • 400 g. di patate
  • 1 uovo
  • 100 g. di parmigiano grattugiato
  • 1 cucchiaino di paprika dolce o anche forte (in base ai gusti)
  • q.b. prezzemolo tritato
  • q.b. origano secco
  • 2 cucchiai di olio extra-vergine saporito
  • sale e pepe

Per friggere:
  • abbondante olio di semi di arachide

Procedimento:
  • Cominciamo dal ripieno: lessare le patate con la buccia, partendo da acqua fredda. Raffreddarle qualche secondo sotto acqua corrente per non scottarsi, poi sbucciarle e passarle allo schiacciapatate. Aggiungervi tutti gli altri ingredienti del ripieno e mescolare bene.

Ripieno tortelli fritti

  • Mentre il ripieno si raffredda, ci occupiamo della sfoglia: mondare e lavare gli spinaci e, senza scolarli, metterli in una padella a fuoco medio, salandoli leggermente. Incoperchiare e appena sono appassiti spegnere il fuoco, farli raffreddare un poco e strizzarli leggermente.
  • Miscelare la farina col lievito e preparare sul tagliere una fontana con 100 g. della stessa.
  • Mettere gli spinaci nel mixer insieme a 1/2 uovo sbattuto e frullare, poi versare questo composto in mezzo alla fontana e cominciare ad amalgamare, inizialmente con una forchetta dall'interno all'esterno, ed in seguito con le mani fino a formare un impasto con la consistenza della classica pasta all'uovo. Se l'impasto dovesse risultare un po' molle, aggiustare con un altro po' di farina. Formare una palla liscia e lasciare riposare coperta con un panno umido.
  • Nel frattempo preparare l'impasto bianco facendo un'altra fontana con la restante farina e un uovo. Impastare fino a formare una palla liscia. Anche questa non è altro che una semplice pasta all'uovo con l'aggiunta di lievito. Lasciare riposare coperto con un panno umido.
  • Tirare col matterello o con la sfogliatrice elettrica  l'impasto verde e poi quello bianco ad uno spessore leggermente più alto di quello delle tagliatelle (io ho usato lo stendipasta del Kenwood, tacca 7).

Sfoglia per l'involucro

  • Disporre sulla sfoglia bianca tanti piccoli mucchietti di ripieno della dimensione di una nocciola, ravvicinati tra loro ed in file regolari, come nella foto.

Mucchietti di Ripieno sulla sfoglia bianca

  • Coprire con la sfoglia verde, schiacciando con le dita tutti gli spazi tra un mucchietto e l'altro in modo da far uscire l'aria e sigillare tra loro le due sfoglie. Tagliare i raviolini con una rotella dentellata o anche liscia, passando tra un mucchietto e l'altro, prima in senso orizzontale e poi in verticale, formando tanti quadratini di circa 4 cm di lato, così:
Formazione e taglio dei Raviolini

  • Ecco come si presentano: simpaticamente verdi su un lato e bianchi sull'altro:
Raviolini pronti da friggere

Tutta la produzione

  • Ora non resta che friggere i Raviolini tuffandoli in abbondante olio caldo a 160-170°, muovendoli e girandoli sui due lati, finché non appariranno leggermente dorati e belli croccanti. Passarli su una griglietta per far scolare l'olio in eccesso e poi su carta assorbente. A piacere, si possono salare leggermente. Servire caldi.

Ravioli o Tortelli Fritti dell'Appennino Tosco-Romagnolo / Casentino
Raviolini o Tortelli Fritti dell'Appennino Tosco-Romagnolo / Casentino

Ravioli o Tortelli fritti ripieni di patate del Casentino
Raviolini o Tortelli Fritti dell'Appennino Tosco-Romagnolo / Casentino - Interno

Note: 
  • gli stessi Ravioli/Tortelli possiamo utilizzarli anche per preparare un primo, se omettiamo il lievito nella sfoglia e, invece di friggerli, li cuociamo tradizionalmente in acqua bollente e li condiamo con un sugo, ad es. di pomodoro fresco o, ancora meglio, di funghi porcini, piatto quest'ultimo molto tipico dell'Appennino Tosco-Romagnolo.

*****************

Infine, per contestualizzare la ricetta,  ecco una piccola "Evasione" fuori dalla mia cucina, con qualche scatto nei luoghi in cui ho potuto gustare tante volte questi Tortelli.

Lago di Acquapartita - sopra San Piero in Bagno e Bagno di Romagna (FC)

Boschi e prati sui monti intorno a Bagno di Romagna (FC)

Lago Lungo sopra San Piero in Bagno e Bagno di Romagna (FC)


Immagine 04 Cuori  Alla prossima "Evasione"... dentro e fuori la mia cucina!   Immagine 04 Cuori

  Se trovi interessanti le mie ricette, Ti invito a diventare fan della mia pagina Facebook per essere sempre aggiornato sulle  novità del mio blog. Allora clicca qui : "Dolci" Evasioni e spunta la voce "Mi piace"  Grazie!



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...